sabato 9 luglio 2011

JOEL CAMPBELL



Dopo la conferma nell'ultima partita, sembra proprio che il grande exploit in Gold Cup, non sia stato lasciato al caso. Joel Campbell, adesso è può essere a tutti gli effetti può essere considerato tra i più grandi talenti che ci sono in circolazione. Addirittura la stampa argentina, in un articolo sullo speciale sulla Copa America, ha scritto che Joel se fosse di nazionalità brasiliana, già avrebbe una valutazione di 20 mln di euro, e una visibilità che non avrebbe niente da invidiare ai vari Neymar e Ganso. Invece il nostro Campbell, è una stella della nazionale costaricana, che nella sua storia fino a adesso ha avuto a mio avviso solo un paio di calciatori di discreto rendimento: Paulo Wanchope, che ha avuto diverse apparizione in premier league, e Hernan Medford, attaccante che negli anni 90, è passato a Foggia, su suggerimento di Zdenek Zeman. Joel Campbell, è nato il 26 giugno 1992 a San Rafael Abajo, città vicina alla capitale San Jose, gioca nella squadra più quotata della Costa Rica: il Deportivo Saprissa. Ha fatto parte della spedizione della sua nazionale under 17, ai mondiali in Egitto nel 2009, peraltro disastrosa, per la compagine nordamericana. Migliore prestazione della sua nazionale, e sua personale nel Nordamericano Sub17 in Guatemala della scorsa primavera, diventando il capocannoniere della manifestazione, segnando 6 reti ( su 5 partite complessivamente giocate). La scorsa Gold Cup, è stato il suo momento in cui, il grande pubblico lo ha conosciuto: nel match di apertura contro il Cuba (partita finita 5-0), Campbell ha messo a segno la rete finale, con un sinistro potentissimo, da posizione molto defilata.
CAMPBELL FEAT. ETO'O
Di lui subito si sono fatti paragoni eccellenti, il più affascinante è quello fatto con il camerunense Eto'ò. In effetti il paragone, anche se "pesante" in effetti può calzare: i movimenti di Campbell quando sta in campo, somigliano veramente alla stella dell'Inter, infatti ha una velocità palla al piede impressionante, ed ha una grande rapidità di esecuzione. Nel gol messo a segno contro la Bolivia in Copa America, ha pure dimostrato di aver migliorato nella freddezza sotto porta, e limando l'unico difetto che gli avevo notato. Adesso sta a lui, riconfermarsi, le qualità le ha tutte, gli occhi degli osservatori dell'intero mondo sono per lui, e speriamo continui a dimostrare tutto il suo potenziale. In Italia vengono curati i suoi interessi da Edoardo Giusti, dell'Agenzia GGXX International Scouting Managament, che ha scoperto per primo le qualità di Joel.

A cura di Antonio Cupparo

Nessun commento:

Posta un commento

SITI AMICI

Ricerca personalizzata

E-SCOUT ITALY

Lettori fissi