martedì 28 giugno 2011

IVAN PIRIS


                                                                 
                                                                 Dati anagrafici: 
Nato ad Asuncion il 10 marzo del 1989. Ha fatto parte della nazionale under 20; nella rappresentativa giovanile del Paraguay ha giocato sempre come esterno basso mettendosi in mostra fin dalle prime uscite. Ivan Piris è cresciuto nella scuola-calcio del Las Aguilas Verdes dall’età di sei anni. Più avanti ha indossato le maglie dell’11 Estrellas e del 12 de Octubre. Nel 2004 è stato tesserato dal Cerro Porteño, club tra i migliori della sua nazione. A diciotto anni è stato promosso titolare, contribuendo nel 2009 alla conquista del titolo di Apertura.Da allora è diventato un giocatore indispensabile e con l’arrivo del tecnico Astrada, nel 2010, è diventato uno dei pilastri della squadra, che in questa stagione ha concentrato tutte le energie sulla Coppa Libertadores, tralasciando un po’ il campionato; infatti, il Cerro Porteño quest’anno ha sfiorato la finalissima della Libertadores, si è arreso al solo Santos di Neymar e Ganso che poi ha trionfato nella finale contro il Penarol. Inoltre è stato inserito nella lista dei pre-convocati della Coppa America 2011.

                                                             Caratteristiche tecniche
Terzino destro molto completo: bravissimo in copertura e lucido in ripartenza, è un terzino che spesso partecipa alla manovra, è molto sicuro dei suoi mezzi e di certo non gli manca la personalità, proprio per questo prende spesso l’iniziativa e grazie alle sue doti tecnico-atletiche arriva spesso al cross o al tiro. Ha ventidue anni, 174 cm per 68 kg, è paraguaiano e vanta diverse presenze nelle nazionali giovanili della nazionale di Martino. Piris, nel suo ruolo, ha confermato di essere uno dei giovani più interessanti nel panorama sudamericano. Le sue caratteristiche migliori sono l’intelligenza tattica che gli fa fare sempre la cosa giusta e la rapidità di testa e di gambe che lo rende spesso imprevedibile e difficile da coprire.. Considerando la sua giovane età può ancora migliorare molto, in particolare nel gioco aereo, ma, viste le ultime prestazioni, possiamo dire che siamo di fronte ad uno dei migliori prospetti del calcio sudamericano.. In Libertadores ha sorpreso tutti, grandi prestazioni anche al cospetto di grossi calibri, e nelle 13 presenze si è sempre disimpegnato alla grande andando a segno anche una volta contro i cileni del Colo Colo. Il suo mentore, nonché scopritore è stato l’attuale mister dell’Argentinos jrs ossia Troglio che lo ha lanciato a soli 18 anni in prima squadra, anche se, come detto, Astrada è stato colui che ha creduto fortemente nelle sue capacità. Il suo prezzo è schizzato in alto, viste anche le ottime prestazioni sue e del Cerro Porteno in Libertadores, ma con 3-4 mln si potrebbe acquistare e potrebbe essere davvero un affare però conviene prenderlo prima della Coppa America, dove potrebbe essere una delle rivelazioni della squadra di Martino.

Articolo scritto da Fabio Giasi

Nessun commento:

Posta un commento

SITI AMICI

Ricerca personalizzata

E-SCOUT ITALY

Lettori fissi