martedì 15 febbraio 2011

SUB20 2010 BEST 11

                                                 SUDAMERICANO 2011 – BEST 11
Durante questo torneo Under 20 abbiamo visto tante ottime squadre ma soprattutto tanti ottimi giocatori, molti di essi si sono messi in mostra proprio in questo torneo, come Orozco, altri, invece, li conoscevamo già da tempo come Mori, Neymar, Lucas (come dimostrano le schede a cura dei nostri esperti).
Andiamo a vedere la Top 11 del torneo che ci riassume i valori assoluti di questo torneo e i probabili campioni del futuro. In porta abbiamo una rivelazione vera e propria, stiamo parlando di JOHN SEBASTIAN JARAMILLO (LDU Quito, 15.09.1991), portiere dalla doti incredibili, già nel mirino della prima squadra e dal futuro assicurato, grande fisico e soprattutto molto abile tra i pali e una buona dote di pazzia che non guasta per i numeri uno; poi abbiamo nella difesa a 4 la coppia difensiva affiatatissima del Brasile , vincitore del torneo e sono JUAN (Internacional, 11.06.1991) e il più esperto ALEX SANDRO (Santos, 26.01.1991), il primo gioca nell’Internacional di Porto Alegre e tra un poco lo vedremo sicuramente in pianta stabile nella prima squadra, il secondo gioca nel Santos insieme ai gioielli Neymar, Ganso e Alan Patrik ed entrambi sono sui taccuini delle migliori squadre europee; sulla destra il posto non può essere se non di FEDERICO PLATERO (Defensor Sporting, 7.02.1991), terzino di spinta e di corsa che ricorda molto i tipici terzini sudamericani, ossia fortissimi nella fase offensiva, da migliorare in quella difensiva, lui però sembra già sulla buona strada e anche per lui non mancano gli estimatori in Europa; a sinistra il posto è sicuramente di NICOLAS TAGLIAFICO (Banfield, 31.08.1992), talentuosissimo terzino sinistro, già spesso titolare nel Banfield, ha un mancino incredibile ed è dotato anche di buona posizione difensiva anche se ha un fisico che lo penalizza un po’; a centrocampo c’è l’imbarazzo della scelta ma un posto per YOHANDRI OROZCO (Wolfsburg, 19.03.1991) lo si deve per forza trovare, giocatore incredibile, ha dato spettacolo nel deserto tecnico del suo Venezuela ed ha segnato , a mio avviso, la rete più bella del torneo, ha già firmato per il Wolfsburg che si assicura un campioncino abilissimo nel gioco offensivo e nella fantasia; al suo fianco il grande protagonista indiscusso del torneo, ossia CASIMIRO (Sao Paulo, 23.02.1992), gioiellino del San Paolo che abbina una tecnica da brasiliano e la grinta da sudamericano che fanno di lui un regista difensivo fenomenale, su di lui ci sono quasi tutti i migliori club europei; davanti a Casimiro e Orozco premiamo PABLO CEPELLINI (Cagliari, 11.09.1991), neocagliaritano anche lui autore di un gran gol durante il torneo, si è messo in luce in tutte le partite dell’Uruguay risultando tra i migliori in assoluto dell’intero torneo, grande controllo di palla e ottima tecnica con discreta visione di gioco per un trequartista dal futuro assicurato; al fianco di Capellini non possiamo non inserire il grandissimo LUCAS (Sao Paulo, 13.08.1992), autore di un sudamericano incredibile, gol e assist per il talento del San Paolo che spera di trovare più spazio nella sua squadra di club, dopo un sudamericano da assoluto protagonista nel Brasile di Ney Franco; altro trequartista che si è messo in mostra è FACUNDO FERREYRA (Banfield, 17.03.1991), stesso club di Tagliafico, è risultato il migliore della sua Argentina che ha deluso le aspettative di tutti, ma lui, con la sua velocità ubriacante e i suoi dribbling, ha tenuto alto il nome albiceleste nella manifestazione peruviana; in avanti non potevamo che mettere lui, NEYMAR (Santos, 5.02.1992), talento unico, lo si paragona a Ronaldo, a Pelè, ma lui è di sicuro un fenomeno che vede la porta come pochi al mondo alla sua età, abbina tecnica a velocità, fantasia a concretezza sotto porta, il Santos lo ha blindato per i prossimi anni e sarà difficile acquistarlo se non per una cifra altissima.
In panchina ma solo per problemi di abbondanza, citiamo ADRIAN LUNA (Defensor Sporting 21.04.1992), attaccante funambolico dell’Uruguay che non sbaglia un calcio da fermo e che si è messo in mostra nella nazionale rivelazione di questo torneo stravinto dal Brasile di Ney Franco.

Articolo scritto da Fabio Giasi per Footlandia

Nessun commento:

Posta un commento

SITI AMICI

Ricerca personalizzata

E-SCOUT ITALY

Lettori fissi